Un anonimo lettore ci segnala: “….L’intelligenza umana non può comprendere la continuità assoluta del movimento. Le leggi di qualunque movimento non diventano comprensibili per l’uomo che al patto di esaminarne separatamente le unità di cui è composto. Ma al tempo stesso, dal fatto che si isolano arbitrariamente e si esaminano a parte le unità inseparabili del movimento continuo, derivano la maggior parte degli errori umani. …..”

viaTolstoj, Guerra e Pace, Einaudi (trad. E. Carafa D’Andria).

Annunci