In cui si racconta come quasi al termine del volo verso Sydney Aurelio narri una operazione da lui stesso subita anni prima.

L’aereo viaggiava tranquillo cullato dal rumore dei propri motori, quando all’improvviso un vuoto d’aria lo fece cadere per qualche secondo. Grida di panico tra i passeggeri. Alcuni bambini si misero a piangere. Poi l’aereo riprese il suo assetto normale e dopo poco la voce del comandante in un inglese quasi incomprensibile annunciò che non c’era da preoccuparsi assolutamente. Sorrisi tra l’imbarazzo e il sollievo dei passeggeri.

Mosé si alzò e fece un giro…

continua

Annunci