• Turisti e vagabondi

Contemporaneo agli anni del Romanticismo, quando il nodo che legava il viaggio ad uno scopo ben determinato ( commercio, scoperte, ecc.)  comincia ad allentarsi, nasce il viaggio collettivo. La rivoluzione borghese, prima (come spinta verso una coscienza di libertà) e in secondo luogo la rivoluzione industriale, aprono la strada al turismo. Nei primi anni dell’ Ottocento cominciamo a trovare una sorta di “uniformità”, sia politica, sociale, che uniformità dello spazio: omogeneizzazione resa possibile dalla nuova tecnica industriale. Reti di comunicazioni, navi, ferrovie, poste, cambi di valuta, modi stessi di vivere che si evolvono in modo relativamente uniforme in tutti i paesi civilizzati/industriali.

Nasce il Red book (1836) e il Baedeker (1839): si elencano ……

continua

Annunci