Lo so che tu che chiamo qual sei
nel tempo hai tanto cambiato
registro, e sapore, e colore
che quel ch’io vedo solo in parte
coincide col sogno ch’appare.

E lo stesso per me, attratto,
qual sono, da masse perenni
e da venti sempre spostato.

Parlarti, sentirti, vederti,
però, per me è sempre mare
che torna, ulivo assiso
in giardino, ombra potente
che tutto d’estate rischiara
addolcendo la spessadensa
calura, che senza sarebbe
mortale, quale è l’assenza
di te.

 Sembra, in questo, la nostra fortuna
ché la vita ci spostò rispettando
le nostre rispettive e relative
distanze.

Per questo forse tu sei, ancora,
per me, fuoco d’inverno nascosto.

 

Per la traduzione inglese clicca qui. For English translation please click here.

Annunci